Age of Iron

Age of Iron

by J.M. Coetzee

A classics professor, Mrs. Curren has been opposed to the lies and brutality of apartheid all her life, but has lived insulated from its true horrors.

Now she is suddenly forced to come to terms with the iron-hearted rage that the system has wrought.

In an extended letter addressed to her daughter, who has long since fled to America, Mrs. Curren recounts the strange events of her dying days.

A teenage black activist hiding in her house is killed by security forces.

  • Language: English
  • Category: Fiction
  • Rating: 3.85
  • Pages: 198
  • Publish Date: September 1st 1998 by Penguin Books
  • Isbn10: 0140275657
  • Isbn13: 9780140275650

Read the Book "Age of Iron" Online

Un diario sotto forma di lettera, una lunga lettera della madre malata terminale alla figlia che se ne è andata lontano, ha lasciato il paese tanti anni prima per trasferirsi dallaltra parte di un oceano, sposarsi, avere figli, mettere famiglia, e nuove radici. Un vagabondo che appare allinizio del romanzo, Vercueil, funziona come lospite nel Teorema di Pasolini: apre gli occhi alla protagonista, è linizio della presa di coscienza, attiva il racconto. La fuga della figlia negli Stati Uniti è la metafora della lontananza che la donna per tutta la vita ha mantenuto dalla realtà della sua terra?

So Mrs. Curren is quite alone when she finds out she has cancer and will soon die. So, Mrs. Curren writes a long letter to her daughter, a real-time letter mostly, a four-movement symphony in a minor key. Mrs. Curren writes: We embrace to be embraced. And Mrs. Curren writes: We sicken before we die so that we will be weaned from our bodies. A place to which you bring nothing but an abstract kind of clothing and the memories inside you, the memories that make you. I am afraid of going to hell and having to listen to Die stem for all eternity ----- ----- ----- ----- ----- I think I was about eleven years old when my teacher wrote the word "Thanksgiving" on the blackboard (how appropriately seasonal of me) and instructed us to take 15 minutes and try to write down all the words we could create out of the letters in that large word. Coetzee asks the reader to consider anagrams for three characters: Mrs. Curren, Mr. Vercueil, and Mr. Thabane. I do know that at one point Coetzee dashes off words made from 'Vercueil' which are apt and no coincidence: live, cure, veil.

Coetzee speaks with the voice of a dying woman, gradually disinherited from her body, home and country, excluded from the title age of iron, from the age of the young and the strong. Love is an obligation . One must love what is nearest.

Quanto, quanto tempo ci vorrà ancora, prima che ritornino secondo il loro ciclo ere più tranquille, l'età dell'argilla, l'età della terra? Una matrona sparatana, dal cuore di ferro, che concepisce alla nazione figli guerrieri. Da che parte sta il mio cuore in tutto questo? La mia unica figlia è lontana migliaia di chilometri, al sicuro, presto io sarò cenere e fumo, e allora cosa significa per me che è venuto il tempo in cui i bambini disprezzano l'infanzia, in cui i bambini si addestrano a vicenda a non sorridere mai, a non piangere mai, a sollevare i pugni in aria come martelli?" Sudafrica: siamo in pieno periodo dell'apartheid, separazione: che brutta parola. Un'anziana signora sola scopre di essere malata gravemente e di non avere più tanto da vivere e in quello stesso giorno incontra "per caso" un uomo, un perdigiorno, un ubriacone, un diseredato e una scintilla scocca nella mente della signora. Una parola di protesta: io, l'eccezione.

If Coetzee's Disgrace is at least partly a meditation on the title word, this earlier novel seems to be partly a musing on the word stupefy: Television ... A gradient from stupid to stunned to astonished, to be turned to stone ... She knows her Latin and ancient Roman history; she wonders about possible anagrams of the names of battles and medications as she falls into temporary stupor: Borodino, Diconal: I stare at the words. Borodino: an anagram for Come back in some language or other.

---------- Lo stesso giorno in cui il dottor Syfret mi ha comunicato la notizia. Lo stesso giorno in cui scopre che nel vialetto di fianco al garage un vagabondo ha allestito la sua dimora di cartoni e teli di plastica. Intervalli temporali che mi consentano di riprendere il mio naturale ritmo di respiro perchè non c'è dubbio che ciò che ha scritto e come lo ha scritto mi toglie letteralmente il fiato. Il complimento più straordinario che si possa fare a uno scrittore è: Ho letto un libro che avrei voluto scrivere io. Oh sí, questa è decisamente la cosa più bella che si possa dire a uno scrittore. Manuale di lettura creativa di Marcello Fois Ecco questo mi succede con Coetzee: mi toglie il fiato perchè dice esattamente quello che penso e nel modo in cui mi sarebbe piaciuto dirlo.

Poi, nel corso del tempo, ne è stato escluso, costretto a camminare da solo, ha cominciato a inaridirsi, a curvarsi, a indebolirsi.

An early novel in Coetzees list of achievements, Age of Iron, depicts the authors distaste for apartheid, the revolution against it, and gives prescient hints of what was to come of South Africa after Mandela. His protagonist here is a Mrs. Curren, a former classics professor suffering a terminal case of cancer, who has always looked down on both apartheid and the struggle against it from her academic ivory tower. Bheki has been shot dead, they quickly discover, and Mrs. Curren now faces the life and death reality of the struggle. This book doesnt take sides in the struggle to throw off apartheid; instead it summons us to the view that South Africa could have been saved at one time, but now, with the first shots having been fired, its too late for all that.